incontriamo Luigi De Magistris

Politiche sociali

Incremento degli interventi a favore delle donne e dei bambini: realizzazione di nuovi asili nido, centri anti-violenze, coordinamento scuole-servizi sociali per contrastare la dispersione scolastica. Lotta alle disuguaglianze Favorire l’inserimento delle numerose etnie presenti in città nel tessuto socio-culturale. Monitoraggio delle necessità primarie: alloggi, pagamento utenze, potenziamento del ruolo dei Piani di Zona Municipale e del confronto con A.S.L. e Scuole.

Politiche  ambientali  

Favorire la raccolta differenziata nella Municipalità II attraverso il “posta a porta”  e la riduzione dei rifiuti a monte (imballaggi, vuoti a rendere, ecc.). Progressiva riduzione dei cassonetti dalle strade, istituire periodici mercati del riuso istituendo un’isola per la raccolta dei prodotti, materiali, oggetti dismessi in buono stato o facilmente recuperabile (lettini, culle, carrozzine, mobili, ecc.).Realizzazione di un “emporio pubblico” dove poter acquistare le merci così da contenere in costi familiari per l’acquisto di beni di prima necessità e di largo consumo. Accordo con A.S.I.A. e Scuole per sensibilizzare la platea scolastica sul tema rifiuti. Incrementare il risparmio energetico negli Uffici Pubblici e nelle Scuole anche mediante l’utilizzo di fonti di energia  rinnovabile (fotovoltaico). Istituzione di Servizi integrati di igiene urbana  attraverso una programmazione di interventi congiunti con ASL-ASIA-Servizio Fognature.

Piano gestione Centro Antico

Coadiuvare l’Amministrazione Comunale nella realizzazione del Piano per l’area di perimetrazione UNESCO, favorendo il recupero dei monumenti e degli spazi di rilevanza paesaggistica ed architettonica. Favorire la pedonalizzazione del Centro Antico e rilanciare il recupero dei “bassi”

MOBILITA’

Apertura notturna delle metropolitane e delle funicolari (apertura fino alle ore 1:30), nonché apertura quotidiana delle uscite secondarie delle stazioni metro, accesso sempre consentito alle biciclette nelle metropolitane. Individuazione di parcheggi pubblici in favore dei residenti (ad esempio l’area portuale). Proporre l’adozione di politiche incentivanti per la mobilità sostenibile.

MUNICIPALITA’ APERTA

Facilitare l’accesso dei cittadini alla casa Municipale, bilancio partecipato, vincolare il Consiglio Municipale all’adozione delle proposte sottoscritte mediante petizione di cittadini

VicoloStorto

Advertisements

6 Risposte

  1. io a napoli non voto pero ho piena fiducia in De Magisritis che ho conosciuto quando non era ancora famosoIntroduzione del 13 marzo 2011

    Cari Compagni e Compagne, amici intanto vi ringrazio per la presenza e non possiamo fare a meno prima di iniziare quest’assemblea di sottolineare quello che sta succedendo in Nord Africa. Un fuoco rivoluzionario di vastissime proporzioni arde su tutto il fronte nordafricano, in pratica sulla sponda meridionale del Mediterraneo a pochi chilometri dalle coste italiane. La fiamma è inizialmente divampata in Algeria, appiccando un incendio che ha contagiato facilmente le altre nazioni magrebine come Tunisia, Marocco, Egitto, nonché parte della penisola arabica, Arabia Saudita, Bahrein, Mauritania, Sudan, Yemen, Giordania, Libano, Siria ed altri Stati che non sono soggetti all’attenzione dei mass-media.
    Mi vengono alla mente le parole di mio padre che è stato in guerra in Libia e in particolare in Cirenaica e inTripolitania ( Beduini cosi li chiamavano)quando mi raccontava gli orrori dell’occupazione dei fascisti e nazisti.
    Allora furono trasferiti in Libia le coppie giovani e pure la sorella di mio padre con il marito e poi nei primi anni 60 furono rimpatriati e mandati in campo profughi a Milano!
    Mi sono rivisto poco tempo fa il film la tigre del deserto che racconta gli episodi di un rivoluzionario libico. Noi occidentali che per 60 anni ci siamo appropriati di tutte le loro risorse ( petrolio e gas) con la complicità dei loro dittatori.
    Adesso i giovani ( che sono più istruiti dei loro antenati) sono stanchi di essere rapinati non solo dai loro dittatori ma anche dal capitale internazionale con la globalizzazione delle conoscenze grazie ad internet si sono diffusi i saperi e le conoscenze.
    Come diceva Lenin nell’internazionalismo proletario la conoscenza è fondamentale.
    Bisogna costruirlo un nuovo internazionalismo proletario adeguato ai tempi del terzo millennio. Quando i nostri governanti danno una risposta come quella di Berlusconi che non vuole disturbare il suo amico dittatore ( a cui ha baciato la mano quando è venuto in Italia con tutte le sue amazzoni)e complice della vendita di Armi come si può andare a vedere sul sito Rete Italiana per il Disarmo.Le armi fornite dall’Italia al Colonnello Gheddafi in questi ultimi anni (in particolare elicotteri e aeromobili, bombe, razzi e missili) sono state in prima linea nella sanguinosa repressione di questi giorni della popolazione civile libica, che sta protestando pacificamente contro il regime. Basterebbe questo a dare forza alla richiesta di sospensione di ogni forma di fornitura di armamenti e di cooperazione militare col governo libico che la Rete Italiana per il Disarmo (coordinamento che raccoglie oltre 30 organismi italiani impegnati sul tema del controllo degli armamenti) e la Tavola della Pace rivolgono in queste ore concitate e dolorose al Parlamento e al Governo italiano.
    In questa occasione del ventesimo anniversario della Nascita del Partito della Rifondazione Comunista a Roma come a Lacedonia non possiamo non ricordare tutti i compagni di Lacedonia a partire dal compagno Filippo Quatrale che per me è stato un maestro di vita. Quando chiesi l’iscrizione nel lontano 1972 aspettai due anni prima di avere la tessera e poi lui stesso mi propose di fare il segretario dell’allora partito comunista in cui mi onoro di essere cresciuto politicamente e di aver frequentato la scuola del partito comunista delle Frattocchie. Lì ho imparato a fare politica perchè si partiva dall’internazionalismo proletario poi si passava a quello Italiano e poi a quello regione, provinciale e locale e cosi si teneva la situazione sotto controllo dal punto di vista delle conoscenze ovviamente.

    Allora la militanza era una cosa seria tanto che mi premiarono come diffusore dell’UNITA con un viaggio in Russia nel 1978. Allora rischiai di non tornare perchè contestai il ministro dell’agricoltura. Poi ci fu il 1989 la caduta del muro di Berlino e poi il 1991 il congresso del PCI di Occhetto, io mi schierai senza se e senza ma con il compagno Pietro Ingrao e noi uscimmo dal pci. Quelli che rimasero buttarono l’insegna del partito Comunista vicini il bidone dei rifiuti e io la recuperai ed è affissa ancora in questa sede. Perchè la storia non si dimentica e sotto la scritta partito comunista sezione Antonio Gramsci c’è scritto sede Cooperativa la Terra in ricordo delle lotte contadine , che poi fu trasformata in sede del Partito Comunista
    Dopo quel congresso che aveva determinato la nascita del PDS scelsi la Rifondazione Comunista, mi ricordo ancora adesso il Compagno Antonio Troise di Avellino e tanti altri delegati mi chiesero se volevo firmare il documento per la rifondazione comunista e gli risposi di si.
    Oggi la militanza non c’è più, nel 1991 eravamo iscritti al partito della Rifondazione Comunista 48 Compagni-e e l’anno successivo ne eravamo molti di più tanto che superammo quota 50. Dal 1994 si sono succedute parecchie scissioni e poi l’ultima quella del 2009 è stata la più drammatica.
    Nel 2009 avevamo 36 iscritti compresi quelli di Bisaccia adesso nel 2010 siamo solo tredici iscritti.
    Io questa situazione l’avevo già prevista, perché io che vengo da un’esperienza del PSIUP perdemmo le elezioni del 1972, allora c’era la proporzionale pura come ora che non abbiamo rappresentanti in Parlamento scelsi il PCI. Nel 2009 con la scissione di Rifondazione ho fatto fatica a capire la scelta di Vendola , Bertonotti ed altri, invece io forte dell’esperienza passata non la condivisi nonostante abbiamo fatto il congresso insieme.
    Adesso si aprono nuove prospettive, un dialogo con tutte le sinistre e per i comunisti a partire dalla Federazione della sinistra e la costruzione delle case della sinistra ognuno con i suoi valori,però non rinuncio neanche alla lotta di classe e al conflitto Capitale Lavoro e quella vecchia insegna ne è la testimonianza. Così si va avanti, la storia come accennavo non si dimentica e un popolo che dimentica la propria storia è come una quercia senza radici non a caso il PD ha tolto la quercia e pure le radici dal suo simbolo che erano la falce e il martello sulla bandiera rossa con il tricolore sotto.
    In ultimo la nostra posizione sulle elezioni amministrative del 15 maggio.
    A Lacedonia rischiamo di essere presi in giro dalle liste civiche che negli ultimi 5 anni non hanno prodotto niente. Se il capolista si deve scegliere non basta la commissione del P.D. mi fa scalpore leggere che il segretario del Partito Democratico da mandato alla commissione per fare la riunione per costruire le alleanze, cosi il partito si è chiamato fuori. Il Partito Democratico è come il berlusconismo e se è cosi non vogliamo averci a che fare. Se poi è stato gia deciso il candidato a sindaco a maggior ragione, perchè quando fu eletto nel 2006 si comportò come se l’alleanza non era di centro- sinistra compreso il PRC.
    Il programma che fu stilato allora conteneva molte cose buone e non è stato rispettato nei punti essenziale come la partecipazione democratica alle scelte.
    Tranne il primo anno che convocava tutti i consiglieri di maggioranza e che quando lo contestavo si metteva a gridare come se io fosse al suo servizio e questo determinò la rottura prima ancora di cominciare tanto che in un consiglio comunale del 2006 mi disse se vuoi stare stai se no te ne puoi anche andare
    Era scritto nel programma il bilancio partecipativo,è stata fatta una sola assemblea nel primo anno. Adesso la settimana scorsa ha approvato il piano triennale delle opere pubbliche con chi le ha discusse?
    Chissà se quando la pala eolica nella convezione con la ipvc verrà istallata?
    Se se facciamo una lista deve essere qualificata politicamente a sinistra!
    O centro sinistra alternativo e non deve essere una lista civica, altrimenti facciamo una lista con il simbolo Federazione della sinistra? Io con questi trasformisti che un giorno da una parte e giorno dall’altra non voglio avere piu a che fare. Il dialogo il confronto va bene ma la politica è altra cosa:
    Gli eletti debbono ai a partiti e non che una volta eletti dal popolo e dai partiti che lo hanno sostenuto, il sindaco fa quello che si vuole!
    Noi del prc la vediamo cosi!
    Termino con una frase di Antonio Gramsci – mi sono convinto che anche quando tutto è perduto bisogna mettersi tranquillamente all’opera ricominciando dall’inizio- lettera dal carcere del 12 settembre 1927
    Antonio Di Ninno – presidente del Comitato politico provinciale

  2. Spero vivamente che Luigi de Magistris venga eletto come sindaco della città campana.
    Non vivo a Napoli da ormai 2 anni e mezzo però seguo le vicende della mia città anche da lontano. De Magistris, a mio avviso, rappresenta un personaggio che in qualche modo può dare slancio e stimoli ad una realtà davvero in crisi e rassegnata. W De Magistris.

  3. La coalizione con De Magistris darà nuova speranza ad una città sofferente. Rifondazione dopo tanti errori torna ad essere coerente e forte.

    M.F.

  4. Hai ragione Mauro, sono certa che questa volta la falce ed il martello riescirà a far capire che la politica è piu’ importante delle poltrone. Sono fiduciosa

  5. Ma De Magistris perchè non parla dello sfascio a Bagnoli?

  6. abbiamo bisogno di aria nuova…w de magistris

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: