Carotenuto avverte…….congresso e subito!

logo comune napoli

logo prc

 

 

 

 

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

Rifondazione Comunista: subito il congresso provinciale

 

rifondazione-restaA Napoli il Partito della Rifondazione Comunista è ai minimi termini e non credo, francamente, che possa andare avanti così senza reinventare una linea politica ed un progetto di società nello stato in cui è.

L’attuale fase di commissariamento affidata al compagno Giusto Catania è giunta al capolinea e va superata con un congresso straordinario già a luglio.

La scelta politica di correre da soli alla Provincia di Napoli non ha pagato, non ha dato i frutti sperati. La coalizione tra i due partiti che si richiamano al comunismo (P.R.C./PdCI) è stata percepita come scelta di nicchia e identitaria, si passa da 3 consiglieri a uno solo (il candidato Presidente Tommaso Sodano).

Basta con equilibrismi e tatticismi tutti interni a Rifondazione Comunista che non parlano più a nessuno né tantomeno alla società ed alle classi sociali che dovremmo saper rappresentare.

La Federazione di Napoli ha pagato le divisioni interne al gruppo dirigente nazionale in una maniera devastante portando allo sbandamento quasi tutte le compagne e i compagni che con generosità hanno affrontato una campagna elettorale con spirito di sacrificio, che soltanto la passione e l’attaccamento ad una nobile storia può ancora per poco giustificare.

 

Napoli, 11 giugno 2009                                       

   Il Presidente del Gruppo P.R.C.

  Raffaele Carotenuto

Annunci

6 Risposte

  1. Cari compagni,
    il 17 giugno sarò a Gerusalemme Est per un convegno di studi melvilliani, organizzato dalla Melville Society su proposta mia, come un atto concreto di fiducia nelle possibilità di un futuro per quella travagliata regione. Melville pubblicò un poema filosofico nel 1976, Clarel, basato su un suo viaggio in Palestina nel 1856, prima di approdare a Napoli nel febbraio del 1857.
    La nostra extraparlamentarietà, non certo desiderata ma forse non del tutto dannosa, ci impone un recupero delle origini del comunismo, che non nacque in alcun parlamento. Donde nacque e donde potrà rinascere sarà indubbiamente argomento di appassionata e, spero, fattiva discussione il 17, e mi dispiace non poter esserci. Al mio ritorno m’informerò sui progetti, sulle cose da fare, sugli impegni.
    Buon lavoro!
    Gordon Poole

  2. Finalmente qualcosa di positivo, ma con quali presupposti si parte? Con i soliti personaggi,che hanno contribuito a ridurre Rifondazione da un partito di grandi idee e di grandi conquiste,simile alla più becera DC,riducendoci ad un partito di personalismi?Già con Bertinotti,leader di grande spessore sociale,politico e culturale,all’interno del partito avevamo elementi che facevano ostruzionismo, il ricordo è ancora vivo in me,
    nell’ penultimo congresso,alla presentazione delle 5 mozioni,mi resi conto di come eravamo frammentati,ancora ad oggi a distanza di cinque anni circa,si rinnova la nostra frammentazione,infatti la tua proposta, condivisibile qualora si arrivi ad un eventuale congresso, con una serie di intenti che ci portino alla realizzazione di un unico grande partito,con una linea principale e una corrente che faccia da continuo pungolo agli organi interni.

  3. Carotenuto CI AVVERTE CHE IL CONGRESSO E’ VICINO?Sellitto gli ha già risposto egregiamente, MA LA SITUAZIONE E’ TALMENTE SERIA, DA ESSERE DIVENUTA RIDICOLA, COME AVREBBE DETTO FLAIANO……
    Carotenuto, chi era costui? Avrebbe detto il personaggio manzoniano tanto noto…..noto per la sua paura..Don Abbondio…..Carotenuto, chi lo ha visto, in campagna elettorale, si potrebbe dire…Carotenuto, colui di cui persone a lui vicinissime e pronte a salire su un ipotetico banco dei testimoni, dicono che appoggiasse solo la campagna per le Europee ed UN SOLO CANDIDATO DELLA LISTA COMUNISTA, IL SOLITARIO FUCITO, E DESSE INDICAZIONI DI DISIMPEGNARSI DALLA CAMPAGNA PER LE PROVINCIALI?
    NON C’E’ MIGLIORE PROFETA DI UN EVENTO DI COLUI CHE CONCORRE A VERIFICARLO….
    L’EINSTEINIANA CONFUSIONE TRA IL FENOMENO OSSERVATO ED IL PUNTO DI VISTA DI CHI LO OSSERVA E’ IN CAROTENUTO AL DIAPASON…EGLI PARLA DI PASSIONE MANIFESTATA DAI COMPAGNI, ED ANCHE DA TANTI AMICI DI STRADA, IN QUESTA CAMPAGNA ELETTORALE……Ma di lui parliamo, di colui del quale di buon grado, pur non condividendole in partenza, avevamo accolto e fatto circolare le osservazioni che hanno portato il nostro gruppo consiliare a garantire il “soccorso rosso” sul bilancio 2008-2009 al Sindaco Iervolino?
    Ebbe’,Carotenuto, ma se dicono di non averti visto in campagna elettorale proprio i e le compagne/i, pur presenti a Ponticelli in un interessante esperienza di intreccio tra il tentativo di ricostruire dal basso l’unità dei comunisti e di declinarla sul terreno popolare, antirazzista, antimafioso, con tutto quel che è successo negli ultimi due anni a Ponticelli? EBBE’, Carotenuto, tu ora pontifichi sul Partito,le alleanze,l’efficacia della candidatura di Sodano, il candidato alla Provincia misconosciuto IN TUTTE LE INIZIATIVE ELETTORALI TENUTESI A SOSTEGNO DI SANDRO FUCITO, PER LE EUROPEE, ORGANIZZATE DA CHIUNQUE SI RICONOSCESSE IN QUELLA CORDATA?
    Rafè, il Congresso si farà e farà piazza pulita di chi è disposto a sabotare il risultato elettorale del Partito, com’è avvenuto alle Provinciali, pur di mantenere patti di gestione esterni alla conoscenza della maggioranza del Partito colla “famiglia bassoliniana allargata”, al comando di Comune e Regione, coll’appoggio dei Sinistri e Libertari, molto socialisti di Napoli e Provincia, quel gruppo dirigente bassoliniano che, col suo pervicace rimanere nelle postazioni amministrative di comando, ha mostrato i muscoli sulla candidatura dell’Assessore e contemporaneamente Europarlamentare Cozzolino,SENZA DECENZA, ma che non poteva impedire la stravittoria di un losco, inconsistente individuo, come Cesaro, alla Provincia di Napoli e cederà, in una rallentata resistenza di Masada senza quella dignità storica, anche Regione Campania, Comune di Napoli e Salerno alle destre incipienti, se non si riprende da subito, anche nel progredire dell’esperienza amministrativa comunale, un’altra idea della sinistra d’ alternativa, non vassalla di nessuno.
    Su questo punto, si uniscano le forze di chi promosse con Paolo Ferrero la svolta di Chianciano, e di coloro che da tempo si interrogano e ci interrogano, nel nostro Partito, sulla necessità di una politica delle alleanze a sinistra: alleanze a sinistra, però, con autonomia e progettualità politica, non parodie di accordo senza contenuti, con chi di sinistra NON E’ PIU’, CON CHI HA GETTATO NEL DRAMMA E NEL RIDICOLO LA REGIONE CAMPANIA, TRAVOLTA DALL’IMMONDIZIA E DAI LIQUAMI POLITICO-AFFARISTICI (ALTRO CHE BERLINGUER E QUESTIONE MORALE, CHE INVECE GIUSTAMENTE E’ RICORDATO IN ANTITESI A TUTTO CIO’, PUR IN UN MONDO IN CUI LE PAROLE SI CONVERTONO NEL LORO CONTRARIO).
    Rispetto a questo sforzo, c’è spazio per tutte e tutti nel Partito, ma non per chi giudica negativo il dato elettorale provinciale, senza aver fatto nulla perchè non si determinasse così.
    Il Congresso si farà, chi ti scrive è pronto ad assumersi, individualmente e collettivamente, le sue responsabilità per DIRIGERE QUESTO PARTITO FUORI DALLE SECCHE DEL POLITICISMO, I SUOI MILITANTI FUORI DALL’ANTROPOLOGIA BORGHESE PICCOLA-PICCOLA DEL CURSUS HONORUM DA PERSEGUIRE ATTRAVERSO ESSO, IL SUO POPOLO AL RISVEGLIO DI UN’ALTRA IDEA DI COMUNITA’ REGIONALE PER CONTRASTARE LA DERIVA SEPARATISTA DEL NOSTRO PAESE, CHE MALGOVERNI COME GLI ULTIMI DEL CICLO BASSOLINIANO HANNO AMPLIFICATO, MORTIFICANDO LA STESSA VOGLIA E FANTASIA DI RESISTERE DEI NOSTRI CONCITTADINI, CONSEGNANDOLI AL SILENZIO OD ALL’ACCETTARE LA CONDIZIONE DI CLIENTES.
    Ha ragione Renato: mai saranno da soli i comunisti, sempre assieme a quelli, come qualcuna che qui mi legge, che magari comunisti non si sentono, m condividono con noi la necessità di “svoltare” per il bene di questa Terra…
    Per un tentativo di svolta Tommaso ci ha messo la faccia, il suo risultato e’ il nostro risultato, NOI NON ABBIAMO PAURA A RIVENDICARLO, come persone leali e convinte, come compagne e compagni, cioè come coloro che spezzano il pane assieme(cum panis), non certo come colui che intingeva il boccone nel piatto di Gesù, ma era al servizio-prezzolato- del Potere dell’epoca, anche quello tanto arrogante, quanto incapace di frenare il Cesaro di turno, cioè l’IMPERO ROMANO.
    Distaccati da posizioni avventuriste, caro Raf, torna il compagno genuino e generoso, che abbiamo sempre apprezzato.Fraterni Saluti.
    Nicola Vetrano

  4. secondo me mi censurerete,però ci provo lo stesso:vetrano fa un accorata e ellittica lettera(come suo solito)parlando a carotenuto perchè suocera(gabriele?nocera?)intenda.già questo è diventato insopportabile,chiarezza,sinteticitàe questa serie di richiami metacolti da abolire,c’è lo chiede proprio quella gente a cui vetrano si riferisce,quelli che vogliono svoltare.il risultato è pessimo,ed è un dato puramente percentuale,poteva esserci chiunque a metterci la faccia,nessuno parla di sodano.vetrano lascia intravedere uno scenario di sciabole e scontri corpo a corpo,di repulisti e comitati di salute pubblica.e secondo lui ci sarà qualcuno interessato a questo “congresso” che non sia solamente ceto?vetrano,per uno strano caso del destino si propone,legittimamente,alla guida del partito,nicò detto spassionatamente ma sono 30 anni che ti sbatti,non pensi sia il caso che anche tu passi un po la mano?rinnovamento totale generale e generazionale,dei vecchi comintern ne abbiamo piene le orecchie.

  5. Carotenuto e’ l’ ultima persona che puo’ parlare,e del congresso e del prc, le ultime elezione dimostrano che lui e’ tutto tranne che comunista, ma come si fa a non votare e non far votare ( cosa molto grave) il propio partito alle elezioni provinciali ,e vergognoso spero che il partito sappia prendere la giusta decisione cacciando questo finto comunista dal partito, spero che la ricostruzione del partito riparta da una profonda bonifica. Il grande compagno gramsci diceva provare e riprovare ma tenere questo elemento significa perseverare, chi persevera fallisce sempre , spero che il partito si ricordi prima di prendere una decisione su questo pessimo elemento e finto comunista.

  6. Penso che se non si avvia subito una discussione che porti al congresso pochi spazi ci rimarranno per rialzare la testa politicamente. La gente non vota rifondazione poichè non è piu’ presente.
    Accolgo volentieri questo appello…..subito al congresso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: