Campeggio Nazionale Giovani Comunisti

Al campeggio di Sapri incontro col segretario Prc: «Cosa ti piace di noi?»

Ferrero ai giovani comunisti:
«Più confronto nell’autonomia»

 

Dopo quello che è stato il congresso più difficile e per molti aspetti lacerante della storia di Rifondazione comunista, il nuovo segretario Paolo Ferrero arriva a Sapri all’8° campeggio nazionale dei Giovani Comunisti. E’ attraverso una serie di domande poste dai due portavoce nazionali dei Gc e da alcuni iscritti/e all’organizzazione, che si è quindi svolto ieri sera il primo confronto tra il nuovo segretario e i giovani del suo partito. Tante le questioni e i temi sollevati. La prima domanda, quasi obbligata, è quella del portavoce nazionale Federico Tomasello, sul significato della “svolta a sinistra” enunciata dal documento congressuale con il quale Ferrero è stato eletto alla guida del Partito. Il neo-Segretario fa una “necessaria” premessa e spiega come consideri un errore decisivo la scelta, assunta anche da lui al Congresso di Venezia, di costruire l’Unione, cioè una coalizione di centro-sinistra in grado di battere Berlusconi e le destre che da cinque anni governavano il Paese. E’ nell’inefficacia dell’azione di Rifondazione comunista all’interno del governo Prodi, causata soprattutto dall’impermeabilità di tale governo alle istanze sociali e di movimento, che Paolo Ferrero rileva una delle cause principali della clamorosa sconfitta elettorale. Da qui, la necessità di uscire “da sinistra” dalla crisi spostando il baricentro del proprio agire nella società, in particolare attraverso la costruzione di vertenze esemplari sul piano nazionale, e ponendosi strategicamente in alternativa al Partito democratico. Tocca il tema dei rapporti con il Pd, anche la domanda posta da un iscritto di Napoli, che sottolinea come l’alternatività al Partito democratico debba valere anche su base locale, e chiede quindi al segretario quali siano le sue intenzioni rispetto alle imminenti elezioni amministrative e alla permanenza del Prc all’interno delle giunte territoriali. Su quella che è una delle questioni attualmente più discusse, Ferrero risponde che, a differenza del piano nazionale, sul piano locale si deve procedere caso per caso, svolgendo verifiche programmatiche e valutando di volta in volta le possibilità o meno di accordo. E così, mentre sottolinea nuovamente la sua contrarietà al rientro nella giunta regionale della Calabria, per quanto riguarda invece l’Abruzzo, Ferrero non fa mistero che sta lavorando ad un accordo con Pd e Idv, sulla base di tre questioni imprescindibili: nessun indagato presente nelle liste, la definizione di punti programmatici comuni e la non provenienza dal Partito democratico del candidato alla presidenza di Regione (il gruppo dirigente del Pd, con cui pure si cerca l’accordo, è parte integrante di un sistema corrotto). In questo senso, potrebbe essere condivisa un’eventuale candidatura di Di Pietro, il quale, pur «esprimendo una cultura di destra, su alcune cose ha ragione» (per esempio sulla condanna delle leggi ad personam), e dunque anche le eventuali convergenze tra Prc e Idv vanno valutate caso per caso sulle singole questioni. Da Bari, arriva la domanda sui nuovi assetti geo-politici globali e sul “caso Georgia”. A partire proprio da alcune posizioni che su questo giornale sono state espresse nei giorni scorsi da dirigenti del Partito, Ferrero stigmatizza i tifosi dell’uno o dell’altro schieramento (in disaccordo con Mao, secondo cui “il nemico del mio nemico è mio amico”) e sostiene che sarebbero invece necessarie: una campagna per il disarmo e la ricostruzione di un forte movimento pacifista.
Su riforma della contrattazione collettiva nazionale e precarietà, il segretario del Prc afferma che è necessario lavorare, nella Cgil, alla costruzione di una sinistra sindacale la più ampia possibile, «che riunisca cioè tutti coloro che concordano sulla difesa del contratto nazionale», e, parallelamente, appoggiare gli scioperi del sindacalismo di base, a partire da quelli dell’autunno. E’ d’accordo poi con i Giovani comunisti sulla necessità di rivendicare forme di reddito sociale contro la precarietà, ponendosi il problema della costruzione di conflittualità e vertenzialità sociale intorno alla parola d’ordine del reddito. Arriva ovviamente anche la domanda sui percorsi di innovazione delle forme della politica e sulla possibilità di continuare a costruire spazi ampi della sinistra che eccedano Rifondazione comunista.  Su questo, Ferrero dice di essere disposto al «massimo di cessione di sovranità» da parte del partito nei confronti di altri soggetti, in tutti gli ambiti di movimento e di costruzione di conflitto sociale; non sul piano della politica con la “p” maiuscola quando ciò significa «cessione di sovranità ad altri pezzi di ceto politico», cosa che lederebbe la democrazia interna del Prc, come è accaduto, secondo il segretario, per la costruzione della Sinistra l’Arcobaleno. Da ultimo, è la portavoce nazionale Elisabetta Piccolotti a porre la domanda su «cosa ti piace dei Giovani comunisti e cosa invece no». Paolo Ferrero risponde che dell’organizzazione giovanile del Prc gli piace «la capacità di cogliere elementi di innovazione»; non gli piace invece quella che lui considera «un’attenzione troppo centrata su ciò che avviene nel partito», invece che su ciò che avviene nella società per quanto riguarda le giovani generazioni. L’auspicio finale di Ferrero è quello di avviare, d’ora in avanti e nel rispetto della reciproca autonomia, un confronto continuo e assiduo tra partito e Giovani comunisti, per intensificare un rapporto di collaborazione proficuo per entrambi, rimanendo però ognuno entro i propri distinti ambiti di intervento.

(fonte “Liberazione”)

Advertisements

Una Risposta

  1. FERRERO: UNA PARTE DELLA DESTRA AL GOVERNO E’ FASCISTA. QUESTA E’ UNA VERGOGNA E RINGRAZIO NAPOLITANO PER LE SUE PAROLE. LA RUSSA SI DEVE DIMETTERE PERCHE’ SI E POSTO AL DI FUORI DELLA COSTITUZIONE REPUBBLICANA
    Dichiarazione di Paolo Ferrero, segretario nazionale del Prc

    Le dichiarazioni del sindaco di Roma Gianni Alemanno prima sulla condanna del fascismo delimitata alle leggi razziali e l’equiparazione
    del ministro Ignazio La Russa tra Repubblica di Salò e Resistenza ci dicono come una parte della destra, al di là di tutte le chiacchiere,
    è semplicemente rimasta fascista. Lo è rimasta non negli elementi folclorici ma nell’essenza, cioè nella non comprensione ella rottura
    avvenuta con la Costituzione.

    L’antifascismo infatti è la condizione su cui si è costruita l’Italia repubblicana, per tanto non dovrebbe costituire una posizione di parte
    ma la religione civile su cui si fonda la convivenza costituzionale.

    Così non è perché una parte della destra è rimasta fascista e con ogni evidenza si sente erede della repubblica di Salò più che della lotta
    di liberazione.

    Questa è una vergogna e nel ringraziare il Presidente della Repubblica Napolitano per le sue parole, chiedo che La Russa si dimetta perché
    non è possibile avere al governo un Ministro che si è posto con ogni evidenza fuori della Costituzione.

    Roma, 8 settembre 2008

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: